Emeroteca: lo stato dell'arte

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  piloro il Mar Mag 31, 2011 9:09 am

Alors,
provo un attimo a spiegarvi riguardo la questione "emeroteca nazionale delle riviste indipendenti" i passi che abbiamo fatto a Verona, e che concezione della cosa si sta sviluppando. Tutto discutibilissimo, per questo lo metto qui.
L'idea, riassumo, è di creare una rete di emeroteche con nodi sparsi in tutta Italia (dove noi riusciamo a crearli), legate tra di loro da un unico motore di ricerca online. Nel descrivervi la situazione distinguo quindi per semplicità tra "emeroteca concreta" (gli scaffali di ogni singolo nodo) e "emeroteca online" (l'opac di ricerca, comune per tutti).

Emeroteca concreta: a Verona ad ospitarla sarà il circolo culturale Malacarne. Parlandone, qua, è stata avanzata l'idea che l'emeroteca dovrebbe ospitare solo riviste letterarie. Io non porrei paletti così precisi, ma penso che non sia una cattiva idea concentrarci almeno inizialmente su una qualche categoria, puntando più sulla "qualità" che sulla quantità. Mi pare ovvio però (è ovvio? Io direi di sì) che ogni singolo nodo può comportarsi come crede, sui criteri di selezione e di accoglimento delle riviste. Ma mi interessa sapere il vostro parere.
Un'altra questione: i fondi. Ha senso cercarli (solo) su scala locale -ogni singolo nodo per sé- o non sarebbe piuttosto più sensato e "ambizioso" cercarne per l'intero progetto, ossia la rete di emeroteche, su scala nazionale? Quindi trovando tra di noi una coordinazione anche per questo aspetto della cosa? Altre questioni di comune interesse?
In ogni caso, come si intuisce, il cuore dell'emeroteca concreta sarebbero le riviste cartacee: dovremmo quindi tutti attivarci per una virtuosa attività di ricerca e di spedizione a tutti i nodi, di tutti i numeri delle nostre e delle altrui riviste. Anche considerando la possibilità di RISTAMPARE ad hoc (e invitare altre riviste a farlo) le copie andate. Io ho già cominciato a richiedere esemplari alle riviste che consideravo interessate alla cosa, probabilmente anche a voi, e qualcosa ho già raccolto. Ma occorre ovviamente aiutarsi su questo punto, anche nella speranza che ogni rivista inizi ad interessarsi all'apertura di un "nodo emeroteca" nel suo territorio di pertinenza, fino ad arrivare al punto in cui, raccolti tutti gli arretrati raccoglibili, ogni rivista preveda ad ogni nuova uscita di inviare automaticamente almeno una copia ad ogni nodo dell'emeroteca.

Emeroteca on-line: con un'équipe informatica d'eccezione si è sviluppata un'idea piuttosto articolata della cosa, che prevederebbe una griglia di ricerca tanto semplice e gradevole nell'aspetto, quanto complessa e raffinata nelle potenzialità. Ossia: il sito dovrebbe raccogliere il catalogo di tutte le riviste presenti in tutte le emeroteche, e di ogni singola rivista (e di ogni singolo numero di ogni rivista) tutti gli articoli e gli autori. Più tutta una serie di altri dati, la cui presenza renderebbe la ricerca il più raffinata possibile: nome rivista, descrizione rivista, data numero, localizzazione, parole chiave... Inoltre, aspetto importante, si pensava di approntare un sistema per cui ogni singola rivista, riempiendo un modulo preimpostato da noi, si farebbe essa stessa carico di questa scrittura dei propri dati (un lavoraccio forse, ma che alle riviste ovviamente conviene fare, per loro stesso tornaconto!), poi comodamente pubblicabili da noi una volta approvati.
Un altro aspetto importante riguarda la possibilità, anche questa prospettabile ad ogni rivista secondo il suo gradimento/tornaconto, di mettere a disposizione il proprio materiale consultabile on-line (sfogliabile e/o scaricabile), a pagamento o meno, internamente al sito stesso o con link all'esterno (al rispettivo sito di ogni rivista). Questo l'avevamo pensato prima che saltasse fuori l'idea di Bookliners, che non conosco ma che mi pare compatibilissimo con la concezione fin qui formulata, per mezzo di semplici link dall'opac o di qualche sistema di embedding. Ma per questo mi rimetto a informatici veri.
Insomma, si ha in mente un mezzo potente, non una semplice pagina di ricerca. E per quel che il mio cervelletto riesce a cogliere di ciò, mi pare un bellissimo progetto. I tempi ovviamente non saranno brevi, la cosa richiede un certo tempo. Ed essendo questa la parte comune, su questa soprattutto siete caldamente chiamati a dire la vostra.


Chiudo riportando qui con un pigrissimo copiaincolla l'indigeribile frase che avevo già brandito in mail, ma che non so se tutti hanno avuto la fortuna di leggere, a riassumere perché un'emeroteca è una cosa buona, al di là della pimpante e viva attività del Birra:
un'emeroteca delle riviste indipendenti, quindi rivolta soprattutto a quelle riviste che non hanno appoggio editoriale, costituirebbe da una parte garanzia di esistenza nello spazio (ora come ora, la maggior parte di noi arriva fin dove fisicamente si allunga il nostro braccio, non oltre) e nel tempo (un archivio concreto, oltre a mantenere nel mondo delle cose sensibili copie di riviste spesso tutt'altro che longeve, potrebbe fungere da stimolo per tentare di rimanere in vita di più, sapendo di non finire siccome polvere al vento), dall'altra -se adeguatamente collocata e pubblicizzata, nel web e nella realtà- sarebbe un potente mezzo per arrivare al lettore che non bazzica "il giro".

Ecco,
fatevi sotto.

Jot
avatar
piloro
Admin

Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 30.05.11
Località : Verona

Vedi il profilo dell'utente http://iltraghettomangiamerda.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  El Aleph il Mar Mag 31, 2011 10:37 am

Tanta bella roba. Noi alephici abbiamo lasciato a voi traghettanti delle copie. Non ricordo però che numeri, appena uno di voi può ce li scriva così sappiamo quali altre dovremo ancora farvi avere.
Riguardo l'emeroteca online, un modulo da compilare per ogni rivista sarebbe l'ideale, farlo voi sarebbe uno sbattimento infinito. Bookliners non esclude l'emeroteca online che dici tu, tanto che anche al BIRRA si pensava di averne una parallela.

Teneteci aggiornati. E che le altre riviste partecipino! What a Face
avatar
El Aleph
Admin

Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 30.05.11

Vedi il profilo dell'utente http://francotirature.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  generazionerivista il Mar Mag 31, 2011 6:27 pm

L'emeroteca online secondo noi è quella più ampia, nel senso che può essere raggiunta e toccata da più riviste interessate (molte magari che non si stampano, tipo noi. sì abbiamo fatto un numero cartaceo per il BIRRA ma vedremo quanti ne faremo e se ne faremo ancora. Quindi riflettiamo come se fossimo solo online) e soprattutto da pubblico che bazzica online.
Quella fisica è altrettanto ottima ma sorgono poi alcuni dettagli problematici, che poi in realtà sono anche poco rilevanti forse: 1) non tutti si stampano o lo fanno con molti e frequenti numeri; 2) quante riviste saranno poi così attente da inviare il tutto SEMPRE? ; 3) se già lo facciamo nell'emeroteca del BIRRA ha senso farlo anche al Malacrane? (sia chiaro: per il punto 3 noi diremmo sì, ha senso - Clara ha il quore I love you al Malacarne - ma bisogna sentire gli altri perchè se una rivista li manda e un'altra no diventa un'unione di riviste? no, non ci pare. ognuno fa per sè come ora).
avatar
generazionerivista

Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 31.05.11
Località : Brescia-Milano-Roma

Vedi il profilo dell'utente http://www.generazionerivista.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  piloro il Mar Mag 31, 2011 9:46 pm

Non si tratta di scegliere tra l'emeroteca online e quella "fisica": l'una è complementare all'altra.
Ovviamente la seconda riguarda solo le riviste che esistono anche (o solo) su carta, e rimango convinto che costituirebbe un importante mezzo per arrivare a chi già non bazzica l'ambiente, nuovi lettori (il solito discorso: in internet finisci per trovare solo quello che cerchi, raro inciampare su cose per caso. Nella realtà forse è già diverso).

Quindi, rispondo ai punti, per come la vedo io:
1) embè? come sopra: l'emeroteca fisica è per chi stampa. Non è che le riviste debbano farlo apposta per l'emeroteca.
2) mandare alle emeroteche sparse nel territorio ad ogni uscita è una cosa che conviene alle riviste (e non penso sia un problema di "attenzione", via), per le ragioni che ho messo nella chiusa del primo post, e per altre intuibili e ancora più cinicamente materiali. Ma anche qua: nessuna sarebbe tenuta a farlo, chiaramente.
3) questa non l'ho capita: quando dici "l'emeroteca del Birra" intendi il Bartleby? Se è così, beh, il Bartleby è a Bologna, il Malacarne è a Verona. Si sta appunto parlando di una RETE di emeroteche, sparse nel territorio. L'auspicio sarebbe arrivare a far diventare una prassi l'invio dei numeri alle emeroteche da parte delle riviste, e -secondo criteri tutti da vedere- allargare quanto più possibile il bacino di tali riviste.

@Aleph: ora qua non ho il materiale. Appena posso aggiorno su quanto abbiamo qua a Verona. Poca roba, comunque, per adesso. Siamo solo all'inizio della vendemmia!
avatar
piloro
Admin

Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 30.05.11
Località : Verona

Vedi il profilo dell'utente http://iltraghettomangiamerda.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  generazionerivista il Mer Giu 01, 2011 8:52 am

ok, capito.
sì per emeroteca del BIRRA intendevo quella al Bartleby.
In caso noi una copia cartacea per ora l'abbiamo, come l'abbiamo inviata al Bartleby lo possiamo fare a Verona. Fateci sapere (e ovviamente ogni qual volta stampiamo inviamo le nuove copie).
avatar
generazionerivista

Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 31.05.11
Località : Brescia-Milano-Roma

Vedi il profilo dell'utente http://www.generazionerivista.com

Tornare in alto Andare in basso

venghino, venghino!

Messaggio  piloro il Sab Giu 04, 2011 6:47 pm

Allora, rispondo a ciò
Noi alephici abbiamo lasciato a voi traghettanti delle copie. Non ricordo però che numeri, appena uno di voi può ce li scriva così sappiamo quali altre dovremo ancora farvi avere.
:
i numeri in mio possesso or com'ora sono 3, 6, 8, 10, 11, 12.

Invito quindi tutti a seguire l'esempio degli alephebi, e inviare (arretrati e nuove uscite) a:
via Colonia Orfani di Guerra 14a, 37142, Quinto, Verona.
Indirizzarli alla mia augusta persona, ossia Andrea Masotti.
Doveste preferire altri mezzi, magari più pratici, potete contattarmi direttamente: 3400038922.

Le riviste che ho contattato finora sono:
tina, follelfo, inutile, aleph, lombroso, eleanore rigby, colla, catrame letterario, ernest, laccalappiacani, finzioni, lalunaditraverso, toilet, argo, tupolev.
Non tutte mi hanno risposto, non tutte mi hanno mandato.
Vi invito quindi anche ad aiutarmi (ey, il Birra è anche questo, giusto? Ho finalmente degli amici?):
segnalandomi altre riviste che potrei contattare, contattandole a vostra volta se siete in amicizia,
sollecitando le succitate,
e in ultima battuta interrogando le vostre coscienze sulla possibilità di creare anche voi un "nodo emeroteca" nel territorio di vostra pertinenza.

Poi, o prima,
posto che ora come ora mi rendo conto che l'attenzione redazionale è altrove, su questioni più base-base,
vi invito ad entrare nella questione emeroteca, anche solo per dibatterne:
non voglio dar l'idea che sia un progetto già definito, una scatola chiusa. Come ho scritto sopra, è una questione totalmente aperta.
Io per ora mi pongo -e vi pongo- degli interrogativi, ma via via che la cosa si va definendo verranno fuori, anche qui, come è giusto che sia, nuove prospettive, e dubbi, e proposte. Ve li ripropongo, in sintesi:
- posto che questa cosa è parallela ma svincolata rispetto al "progetto birra", pensate che anche qua ci vogliano dei "criteri di accoglimento" per ciò che deve stare e ciò che non deve stare nell'emeroteca?
- pur nel progetto comune, e nell'opac che lega tutto virtualmente, ogni nodo può comportarsi autonomamente riguardo tali criteri (e anche riguardo criteri più pedestri, quali le modalità del prestito, della catalogazione, il colore dello scaffale...), o è meglio l'uniformità totale?
- essendo un progetto che implica spazi e materiali, si può pensare di chieder fondi? A chi? Come?
--- altrettanti e più dubbi riguarderebbero (riguarderanno) l'opac di ricerca online, ma per questo aspetto di fare altri passi con l'equipe informatica. Intanto rileggetevi quanto suscritto alla voce "Emeroteca on-line" e dite pure la vostra.

Orsù.

_________________
Michele Barbolini è uno del Mangiamerda.
Tenta di nasconderlo, ma l'odore è inequivocabile.
avatar
piloro
Admin

Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 30.05.11
Località : Verona

Vedi il profilo dell'utente http://iltraghettomangiamerda.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  enrico il Dom Giu 05, 2011 12:09 pm

Andrea, la tua concretezza mi piace sempre di più.
io penso questo: le due emeroteche potrebbero essere i progetti pilota.
una volta messo in archivio l'indirizzario e capito chi ci sta, ne dovremmo fare altre.
io ci penso fin da quando mi arrivò la mail traghettica, mesi fa.
ci penso = per quanto riguarda Trani.
le alternative a cui avevo pensato erano: associazione con spazio, locale alternativo - nel senso: non un cocktailificio.
da poco, mi son convinto che il posto migliore sarebbe la biblioteca comunale. e mi riprometto, non appena le altre emeroteche saranno avviate, di andare a parlare con la direttrice della biblioteca.

le alternative che avevo immaginato in precedenza non mi sconfinferavano. una associazione di solito non è molto frequentata, o, comunque, non tutti vi possono accedere. mentre il locale ha altro da fare, e non garantisce il *rispetto* dovuto alle riviste - sempre a Trani, eh.
una biblioteca dovrebbe addirittura pagarle, le riviste. temo che a Trani mi diranno che non ci sono soldi, ma mi impunterei per il *rispetto* [uno spazio riviste, un catalogo ecc.].
forse, in altri, posti, si potrebbe ottenere anche l'acquisto.

e-

enrico
Admin

Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 30.05.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  PippoBalé de Costola il Dom Giu 05, 2011 6:11 pm

io son per l'emeroteca in tutto e per tutto,
per quella fisica: al momento mi viene difficile mandare le copie a verona e da bologna non me la sento di organizzarmi per farne una a genova, (primo perché sono 200 copie sono poche e sono tirchio secondo perché comunque devo ancora spedirne un paio ai collaboratori stessi della rivista sassari e Trani e Roma e altrove?)
allo stesso tempo trovo importante muoversi per quella virtuale, cercare di capire quanto delle nostre riviste hanno un pdf sfogliabile disponibile. Sbaglio o non sono tante? Non me ne viene in mente nessuna con i pdf online..

e poi sì, farlo nelle biblioteche pubbliche, come dice enrico mi sembra una bella mossa che farebbe bene alle biblioteche e al pubblico e alle riviste.
avatar
PippoBalé de Costola
Admin

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 30.05.11

Vedi il profilo dell'utente http://casaeditricegigante.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  generazionerivista il Lun Giu 06, 2011 7:59 am

PippoBalé de Costola ha scritto:allo stesso tempo trovo importante muoversi per quella virtuale, cercare di capire quanto delle nostre riviste hanno un pdf sfogliabile disponibile. Sbaglio o non sono tante? Non me ne viene in mente nessuna con i pdf online..


noi abbiamo 16 numeri sfogliabili in pdf e scaricabili Cool
avatar
generazionerivista

Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 31.05.11
Località : Brescia-Milano-Roma

Vedi il profilo dell'utente http://www.generazionerivista.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  Michele T. il Lun Giu 06, 2011 8:35 am

Anche Follelfo, inutile, Colla, Prospektiva, 'tina, Traghetto Mangiamerda e Taccuino all'idrogeno hanno i pdf on line...
avatar
Michele T.

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 31.05.11
Località : Milano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  PippoBalé de Costola il Lun Giu 06, 2011 3:47 pm

ahok! perfettus
scusate
allora mettiamo i link nella pagina del blog..
avatar
PippoBalé de Costola
Admin

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 30.05.11

Vedi il profilo dell'utente http://casaeditricegigante.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

opac emeroteca online (+ off topics a casaccio)

Messaggio  piloro il Ven Lug 22, 2011 9:21 am

Alors,
domenica scorsa abbiam fatto un conciliabolo io e gli informatici con i quali ci stiamo occupando della cosa, qua.
Non c'è molto da dire, è stata una riunioncina soprattutto programmatica, e di quanto detto eccomi qui a mettervi a parte.

L'idea rimane la stessa prospettata all'inizio, ripeto in breve:
- creare un opac online (http://it.wikipedia.org/wiki/OPAC) autonomo e potente, da incastonare nel sito del birra e da rilanciare in qualsiasi luogo del web esistiamo
- un opac che permetta di reperire le riviste (e i singoli contenuti delle riviste) che scelgono di aderire al progetto, e quindi di venir catalogate, sia online che (e/o) nelle emeroteche vere e proprie (per ora 2: VR e BO).
- sarà un opac quanto più "potente" possibile, ovvero con la possibilità di effettuare ricerche tanto più raffinate quanti più dati le singole riviste aderenti decidono di caricare (titoli, autori, abstract dei testi, dati dei numeri...)
- saranno infatti le singole riviste, con dei moduli che stiamo predisponendo, a caricare in totale autonomia i loro dati (della rivista in generale, degli arretrati e di ogni nuova uscita, quando inviati anche agli archivi nel territorio/online)
- i ruoli, sbozzati precocemente: ci dovrà essere qualcuno che gestirà l'intero apparato-opac, che si occuperà soprattutto della verifica e della pubblicazione nel catalogo dei dati inviati dalle riviste; in ogni singolo nodo della rete di emeroteche nel territorio ci sarà chi si occuperà della verifica dell'effettiva consegna delle copie cartacee, e lo comunicherà al webmaster generale dell'opac; qualcuno, auspicabilmente, si occuperà della sponda emeroteca-birra.
- l'opac, in modi ancora tecnicamente da definire, sarà connesso all'archivio delle riviste online (bookliner, scribd, issuu che sia), e fornirà quindi strumenti, oltre che per la ricerca verso-emeroteca fisica e verso-emeroteca online, per: sfogliare online, scaricare, comprare.

Si tratta di ciò, ricapitolato.


Domenica, dicevo, abbiamo steso un piccolo piano di lavoro:
1: entro fine agosto dovremmo riuscire a finire i moduletti di cui sopra: dei comodi "form" online, attraverso i quali ogni rivista potrà caricare i dati che la riguardano, e che riguardano ogni numero che vorrà catalogato nell'emeroteca (fisica e/o online). Come già detto, converrà alla rivista eventualmente riempire con quanta più esaustività possibile tutti i campi del moduletto, oltre a quelli chiaramente obbligatori, per permettere poi all'utente una ricerca più dettagliata.
2: a quel punto comincerà il lavoro sull'opac vero e proprio, del quale cercheremo quanto prima di pubblicare (solo qua internamente alla redazione birra) una bozza, un prototipo funzionante. Già da lì (difficile prospettare delle tempistiche precise a calendario)...
3: ...sarà cosa buona e giusta (per democratica orizzontalità, ma buondio anche per condividere la fatica!) allargare a tutti voi, ovvero alle forze informatiche a vostra disposizione, il progetto. Ma fin da ora, vi invitiamo a cominciare ad alzare le antenne, a interessare, a coinvolgere. Avrete pur qualche geniaccio tra i vostri amichetti.
4 (2b): a moduletti pronti, si aprono già le danze preliminari! C'est à dire, tutte voi riviste aderenti sarete chiamate a -riempire detti modulett -inviarli a vostra volta ad altre riviste, spiegandogli il progetto e invitandole a farlo.
5: ad opac ultimato (e, sogno io, magari ad altri 2-3 nodi-emeroteca aperti nel territorio) si potrà finalmente aprirlo al grande pubblico. Non sarebbe male legare la Grande Inaugurazione ad un BIRRA, sogno sempre io.


Poi chiaramente son state fatte anche chiacchiere più sul tecnico, ma io aurigliavo poco capendo dei codici html css php e quant'altro con cui si esprimevano. Invito i genii ad affacciarsi su questo forum, eventualmente a spiegare queste cose, se ritengono, e invito i curiosi eventualmente a chiedere.
Fine.





OFF-TOPIC (lo metto qua perché è poco più di un p.s, per ora, e perché un poco c'entra):

parlando con il gestore del circolo Malacarne, quello che come segnalavo sopra ospiterà l'emeroteca qua a VR, si pensava che sarebbe bello
inaugurare il nodo-emeroteca veronese A SETTEMBRE, magari costruendoci attorno una situazione-birrino..
L'idea, più precisamente, sarebbe di riesumare il "Dar a bere storie", festival eno-letterario itinerante fermo da qualche anno (google: "dar a bere storie" + malacarne), e in qualche maniera gemellarlo al BIRRA.
Tutto ancora molto in forse, in se e in ma (poco tempo a disposizione, ancora poche riviste fisicamente arrivate qua a VR), però sarebbe un'occasione secondo me molto bella per ridare spinta vitale anche al progetto birra, un incontro carnale ogni tanto fa sempre bene.
Mh?


_________________
Michele Barbolini è uno del Mangiamerda.
Tenta di nasconderlo, ma l'odore è inequivocabile.
avatar
piloro
Admin

Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 30.05.11
Località : Verona

Vedi il profilo dell'utente http://iltraghettomangiamerda.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  generazionerivista il Ven Ago 05, 2011 8:30 am

a noi sembra una grande iniziativa e un'idea ben fatta.
non avendo numeri stampati sarà dura partecipare all'emeroteca fisica ma indubbiamente ci potremmo / vorremmo essere all'incontro/festa per promuovere la cosa e possiamo, se vorrete, essere inseriti nell'opac - se fate anche una lista di riviste non cartacee.
Noi abbiamo un numero stampato, a parte quello, che possiamo darvi, non abbiamo altro, per ora.

Quindi, per capirci, questa emeroteca si deve inserire nel BIRRA, come "pagina/capitolo" a parte.
esempio: sito del BIRRA - pagine wordpress: HOME - MANIFESTO - RIVISTE - EMEROTECHE - .....

Io continuo a chiedermi chi si occupa / si doeva occupare di alcune scadenze e organizzazione che fine ha fatto.
Anch'io penso ci voglia del tempo ma ora più che di tempo si parla di ere geologiche.

Clara
avatar
generazionerivista

Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 31.05.11
Località : Brescia-Milano-Roma

Vedi il profilo dell'utente http://www.generazionerivista.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Emeroteca: lo stato dell'arte

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum